Il profumo della collaborazione

L’Ecuador è quella terra che profuma di cacao e caffè e che riempie lo spazio dei colori intensi e cangianti della quinoa in maturazione.

Le comunità contadine andine, amazzoniche e costiere sono da anni accompagnate da Cefa nel migliorare qualità e quantità delle produzioni agricole, cacao, caffè, quinoa e altri coltivi e per rafforzare il sistema cooperativo, garantendo maggiore potere negoziale agli agricoltori e supportando l’individuazione di nuovi e migliori sbocchi sul mercato.

Il gruppo di viaggiatori solidali che quest’anno è volato in Ecuador alla scoperta di questi progetti è di una varietà straordinaria per età, provenienza, professione, ma più forte di tutto è ciò che unisce: il coraggio di mettersi in gioco per toccare con mano la difficoltà e l’impegno, la diversità e la ricchezza, la voglia di condividere e crescere, la certezza che solo con lo scambio e la solidarietà migliora la condizione di tutti.

Abbiamo vissuto due settimane di curiosità ed apertura ad una natura rigogliosa, una cultura variopinta e complessa, preziose fonti di ispirazione e insegnamento da ricordare e restituire una volta a casa.

Appena il tempo di scoprire la capitale Quito ed adattarci un poco all’alta quota e subito ci dirigiamo verso le Ande, imponenti e meravigliose da togliere il fiato. Qui incontriamo le comunità coinvolte nella produzione, trasformazione e commercializzazione della quinoa. Le comunità indigene andine sono tra le più povere del paese e i contadini costituiscono il gruppo a reddito inferiore. Le famiglie coinvolte nel progetto sono orgogliose di veder migliorata ed aumentata la propria produzione e di ottenere migliori prezzi sul mercato grazie allo sforzo cooperativo implementato con Cefa e possono ora reinvestire in salute ed educazione.

Siamo a nostro agio in mezzo ai colori della quinoa, ma non c’è tempo per indugiare, è tempo di inerpicarci per il sentiero più fangoso che chiunque di noi abbia mai percorso. Per conquistare le viste spettacolari del vulcano Altar dobbiamo faticare non poco, scivolare, saperci forti solo nel sorriso dei compagni di strada, ricordare l’eterna lezione della salita di fronte alla quale siamo tutti uguali e quando l’aria diventa più rarefatta ci lasciamo guidare in silenzio dal passo di chi abbiamo davanti e dalla determinazione di arrivare alla cima.

Poi d’improvviso, a poche ore di pullman, il paesaggio cambia e ci lascia sulla pelle l’umido della pioggia amazzonica, la magia delle notti sul fiume, la storia di popoli antichi ancora in bilico tra integrazione e tradizione.

Il primo insegnamento dei contadini in Amazzonia sta nella conformazione stessa delle parcelle coltivate, una varietà di piante ordinatamente inserite tra le piante spontanee della giungla: cacao, caffè, banani, alberi da legno; in una parola: biodiversità, benefica per le persone e la terra, una sapienza antica che appare ovvia eppure così è difficile da realizzare. Secondo insegnamento: l’accoglienza, emozione di essere chiamati uno ad uno per nome alla riunione della cooperativa e a poca distanza sorpresa e riconoscenza di un grande gruppo invitato a pranzo in una piccola casa in mezzo alla giungla e sentirsi dire grazie di essere arrivati fino a lì, di aver portato conoscenza e libertà con l’operato di Cefa. Terzo insegnamento: restare uniti e puntare sul trasmettere la conoscenza ai giovani, chè dopotutto il futuro è il loro.

Completano la nostra avventura la chiacchierata toccante con l’avvocato Pablo Fajardo e la scioccante visita alla scia di morte e devastazione portata dall’attività di estrazione petrolifera.

Un tempo breve, ma che ci ha concesso di respirare la competenza e la passione di tutto lo staff Cefa in Ecuador e di toccare i segni tangibili dell’importanza di lavorare insieme.

Da oggi, per noi che abbiamo vissuto questo incontro, l’aroma del caffè ha qualcosa di speciale: il profumo dell’amicizia.

“Assaggia” il nostro viaggio guardando alcune foto!

Annunci

Aspettiamo proprio te!

Non vedi l’ora di partire per un viaggio solidale?

Ecco l’occasione che fa per te!

Vieni a conoscere lo “stile CEFA”, visitando i progetti che realizziamo in Africa e America Latina a supporto delle comunità rurali.

Programma indicativo KENYA

Stiamo ancora definendo il programma dettagliato, ma manca poco.
Periodo: prime 2 settimane di agosto (circa)
Tappe principali:

  • progetti in corso di realizzazione nella contea di Kitui: agricoltura, apicoltura, sand dams
  • progetti realizzati: acquedotto di Kiirua, visita alle opere, trek in foresta
  • progetti sociali: visita a uno/due centri detentivi – rieducativi dove siamo presenti, celebrazione della giornata internazionale della giustizia dei detenuti
  • natura: parco Samburu con pernotto o Monte Kenya (5000m, facoltativo)

Costo indicativo 1250 euro.
Qui maggiori info (e foto).

Programma indicativo ECUADOR

Periodo: 2 settimane entro il periodo 10-29 agosto
Tappe principali:

  • Quito città e museo Guayasamin
  • progetti agricoli: filiere di cacao, caffè e quinoa in diversi luoghi
  • turismo comunitario: permanenza presso la comunità di Limoncocha con esplorazione di flora e fauna amazzonica
  • toxic tour: testimonianza e visita al disastro naturale exxon
  • trek: vulcano El Altar (3 giorni) e Reventador con piscine naturali e cascate (1 giorno)

Costo indicativo 1150 euro.
Qui maggiori info.

Le quote di partecipazione non includono il volo da/per l’Italia, assicurazione, eventuale visto, extra personali.
I viaggi si attivano con un numero minimo di 6 partecipanti e al massimo 12.

PER INFO E PER PARTECIPARE SCRIVICI!

Cosa facciamo in Kenya?

Il viaggio in Kenya dei nostri sostenitori si avvicina, noi non vediamo l’ora!

Quando:

dal 29 luglio al 11 agosto

Programma indicativo

(restate sintonizzati per gli aggiornamenti)

Visita al progetto sand dams di Kitui
1152 m s.l.m.

sand dam La costruzione di queste strutture garantisce accesso all’acqua alle comunità per usi domestici e agricoli. Il progetto include anche formazione e supporto all’attività agricola e all’apicoltura con attenzione all’intera filiera.
Questo intervento ha un impatto diretto su circa 5000 famiglie.

Visita al progetto Kathita Kiirua Water Project ed acclimatamento
2044 m s.l.m.

kkwp CEFA ha completato la realizzazione di un sistema di adduzione di acqua verso 16 villaggi nella zona di Kiirua.
Questo intervento ha un impatto diretto su circa 50000 persone.

Ascesa alla Punta Lenana sul Monte Kenya
4985 m s.l.m.

La vetta si svela ai viandanti Il trekking all’interno del Parco Naturale del Monte Kenya verrà effettuato insieme a guide locali. Saliremo dalle pendici del monte più alto del paese fino alla più alta vetta raggiungibile con solo trekking.

Viaggio in Kenya con un amico in più!

Evviva!!
La generosità non ha confini: oggi ringraziamo Enrico di Milano che ce lo ricorda!
Coinvolgendo gli altri, raccontando del progetto di Kitui e condividendo i valori che guidano noi di Cefa – Il seme della solidarietà, la sua donazione è superiore alla fatidica “soglia Batian”!
Parteciperà alle nostre escursioni in Italia, alla preparazione atletica con i campioni e infine partirà con noi per il Kenya la prossima estate.
GRAZIE ENRICO!
Non vediamo l’ora di viaggiare con te!

mtkenya_trek

Monte Kenya, un patrimonio universale

Il Monte Kenya e la riserva forestale circostante sono Sito Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, vieni a scoprirlo con noi!

I monti e le foreste della regione del Monte Kenya sono stati dichiarati Parco Nazionale già nel 1949, per proteggerne l’ecosistema. Nell’aprile del 1978 l’area è stata designata Riserva della Biosfera UNESCO. Il parco nazionale e le foreste sono state dichiarate Sito Patrimonio dell’umanità nel 1997.

Il Governo del Kenya ha basato questa importante scelta su 4 pilastri:

  • rafforzamento del turismo, importante per l’economia locale e nazionale,
  • conservazione di un’area dalla bellezza scenografica unica
  • salvaguardia della biodiversità
  • protezione delle risorse idriche utili alle zone circostanti.

La superficie del parco nazionale è di 715 km quadrati, la maggior parte dei quali al di sopra dei 3000 metri. La superficie della riserva forestale è di 705 km quadrati; complessivamente il sito patrimonio dell’umanità risulta dunque di 1420 km quadrati.

La diversità altimetrica del parco, dai 1500 m ai 5199 m, rende possibile la presenza di diversi habitat, dalla foresta pluviale ai ghiacciai perenni.
La foresta pluviale si estende fino ai 3000 m circa, con alberi ad alto fusto che vanno degradando verso la macchia bassa. Questo ambiente e’ popolato da bufali neri, elefanti, leopardi, serval, antilopi, antilopi eland, scimmie colobus e babbuini.
Dai 3700 m inizia la fascia vegetazionale di lobelie giganti e seneci giganti, che arrivano fino ai 4500 m; notevoli distese si incontrano nelle valli McKinder e Chogoria.

mt. Kenya 035
Lobelia gigante in ammirazione del paesaggio.
Qui era 10 anni fa, sarà cresciuta? Scomparsa?
Lo scopriremo insieme!

Oltre i 4500 m inizia il deserto d’alta quota, con piccoli laghi alpini privi di forme di vita, fino a piccoli ghiacciai perenni tra le cime Nelion e Batian a circa 5000 m di altitudine.

mt. Kenya 069
Chi c’è dentro al dendrosenecio?

La sfida solidale è aperta!

Cari amici!

Inizia una grande avventura, che ci porterà in giro per il mondo per un anno intero e culminerà in vetta al Monte Kenya (5199 m slm), dove andremo insieme ad alcuni di voi per supportare la realizzazione di dighe in sabbia e coltivazioni sostenibili per le popolazioni di Kitui, in Kenya.

In giro per il mondo, a partire da Expo, controverso crocevia di popoli, dove Cefa è presente al Padiglione Zero per dimostrare attraverso l’impegno sul campo che un’altra economia è possibile, che la sovranità alimentare un’esigenza e la lotta alla fame e la povertà un impegno quotidiano.
Il nostro progetto Africa Milk Project è stato selezionato, insieme ad altri 4 progetti individuati tra più di 800 proposte internazionali, come migliore best practice nella categoria “Sviluppo sostenibile nelle piccole comunità rurale in aree marginali”.
E là vi aspettiamo.

La sfida parte ora, aperta a tutti, da tutto il mondo, per essere i veri protagonisti della raccolta fondi a favore del progetto idrico e agricolo di Kitui. Coloro che raccoglieranno 5199 euro, potranno partecipare ad un viaggio straordinario nel cuore del Kenya, visitare il progetto di Kitui ed affrontare l’ascesa al Monte Kenya insieme a guide locali.

Per tutti gli iscritti, subito in regalo lo zainetto Cefa, ricco di doni e spunti per organizzare la propria raccolta fondi.
E per chi raggiunge le quote intermedie, bellissime occasioni di sport, montagna e condivisione: per chi raggiunge la quota Kitui (1152 euro = 1152 metri slm) una escursione di pace e memoria a Monte Sole (BO), per chi raggiunge la quota Sirimon (2650 euro = 2650 metri slm) una giornata di sci nello splendore delle Dolomiti insieme ad un maestro di sci.
E per la preparazione atletica ci affidiamo agli esperti: 1 giornata di sport in alta quota in Marmolada con Filippo Beccari, campione di scialpinismo e guida alpina ed 1 giornata a Bologna con il personal trainer esperto di sport all’aperto Federico Andreoli.

Logo Kenia black2

Non resta che contattare subito Giulia e iniziare la raccolta!
Per qualsiasi informazione non esitare a metterti in contatto con noi,
il nostro obiettivo è condividere questo emozionante cammino con le tante persone solidali che vogliono allenare con noi il cuore!
telefona: 051 520285
scrivi: info@cefaonlus.it